Ricognizione annuale delle partecipate al 31/12/2021: on line le nuove schede di rilevazione del MEF

La scadenza del 31 dicembre è ormai all’orizzonte: ci riferiamo alla ricognizione annuale delle partecipazioni societarie, come prevista dall’art. 20 del TUSP (d.lgs. n. 175/2016). Entro fine anno, infatti, tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all’art. 2, comma 1, lett. a), del medesimo Testo Unico sono chiamate ad approvare, con apposita delibera consiliare, il provvedimento di revisione periodica delle partecipazioni societarie detenute al 31 dicembre 2021, unitamente alla relazione sull’attuazione del precedente piano di razionalizzazione adottato con riferimento alle partecipazioni in essere al 31 dicembre 2020.

Con una nota pubblicata nei giorni scorsi sul proprio sito, il MEF ha messo a disposizione degli enti interessati all’adempimento le schede in formato elaborabile per la ricognizione delle proprie partecipate, precisando che si tratta di strumenti che possono essere utilizzati “come ausilio per l’elaborazione dei provvedimenti”.

Una volta approvati, la deliberazione ed i relativi allegati dovranno essere inviati alla Struttura di indirizzo, monitoraggio e controllo sull’attuazione del TUSP presso il MEF, esclusivamente attraverso l’applicativo ‘Partecipazioni’. Resta confermato inoltre l’obbligo di comunicazione alla competente Sezione della Corte dei conti ai sensi dell’art. 20, comma 3, del TUSP.

La mancata adozione del provvedimento comporta, ai sensi dell’art. 20, comma 7 del TUSP, l’applicazione di una sanzione amministrativa da un minimo di euro 5.000 ad un massimo di euro 500.000, salvo il danno eventualmente rilevato in sede di giudizio amministrativo contabile, comminata dalla competente sezione giurisdizionale regionale della Corte dei conti. In aggiunta a ciò, l’amministrazione inadempiente non potrà esercitare i diritti sociali nei confronti della società partecipate, come previsto dal successivo art. 24, comma 5.

Attraverso il medesimo applicativo saranno acquisiti contestualmente anche i dati richiesti ai fini del censimento annuale delle partecipazioni in società e in soggetti di forma non societaria e dei rappresentanti in organi di governo di società o enti, ai sensi dell’art. 17 del D.L. n. 90/2014. A tal fine è reso disponibile anche il modello editabile di ‘Scheda Partecipazione – 2021’, per il censimento delle forme non societarie, nonché delle forme societarie per le amministrazioni non soggette al TUSP, ed il modello di ‘Scheda Rappresentante – 2021’. Per quest’ultimo adempimento non è ancora stata fissata la data di scadenza. L’avvio della rilevazione sarà comunicato con successivi avvisi da pubblicarsi sul sito internet del Dipartimento del Tesoro e sull’home page del Portale Tesoro, nonché con l’invio di e-mail ai responsabili e agli utenti già registrati per l’applicativo ‘Partecipazioni’. Gli enti non ancora registrati dovranno individuare un responsabile per la comunicazione dei dati, che dovrà accreditarsi sul Portale Tesoro. Se non già fatto in passato, la deliberazione consiliare di ricognizione delle proprie partecipate di fine anno è senz’altro essere l’occasione utile per farlo.

Qui il testo completo del comunicato del MEF