Last Call per i trasferimenti sospesi

Come ormai ben noto ai responsabili degli uffici finanziari, fra i deterrenti utilizzati dal ministero per incentivare gli adempimenti degli enti locali inerenti le comunicazioni dei dati di bilancio e dei fabbisogni standard vi è il blocco dei trasferimenti erariali.

Gli enti accedendo al portale TBEL hanno la possibilità di verificare nella propria area riservata quali sono i trasferimenti sospesi e le cause di sospensione. Nella fattispecie gli adempimenti da non dimenticare sono quelli relativi alla trasmissione BDAP ed al SOSE.

Per quanto riguarda la trasmissione dei dati di bilancio (BDAP) il termine per l’invio è di i 30 giorni dalla data di scadenza dell’adempimento e riguarda sia il bilancio di previsione che il rendiconto (e per gli enti soggetti anche il bilancio consolidato). Dal portale BDAP è comunque disponibile il menù per controllare che tutti gli invii dei file “XBRL” siano stati acquisiti senza errore e siano completi anche di tutti gli altri documenti allegati.

La scadenza del invece SOSE 2022 riferita ai dati 2021, come già trattato nell’articolo del 5 settembre, invece era fissata per il 16 settembre 2022 ovvero 60 giorni dalla pubblicazione in gazzetta ufficiale del questionario.

Nei giorni scorsi il il ministero dell’interno ha fatto sapere che procederà ad ulteriori pagamenti dei trasferimenti entro la fine del 2022 a patto che gli enti inadempienti sanino le proprie posizioni entro il 15 Novembre 2022, per cui restano solo pochi giorni per fare gli invii. Si ricorda che queste sanzioni hanno un effetto esclusivamente sulla liquidità dell’ente in quanto i trasferimenti devono comunque essere accertati sulla base dell’attribuzione e non al momento dell’incasso.